interessante

Il miglior olio d'oliva per i tuoi soldi può essere al commerciante Joe

Il commerciante Joe's ha la reputazione di offrire buon cibo a prezzi convenienti, ma sappiamo tutti che quando si tratta di olio d'oliva, il prezzo e l'etichetta spesso non significano molto quando si tratta di qualità. Gli esperti di Truth in Olive Oil hanno testato un sacco di oli del negozio e hanno ottenuto un ottimo affare a soli $ 9 al litro.

Il team ha testato tutti i vari oli a marchio del commerciante Joe, tra cui il 100% spagnolo biologico del commerciante José, l'olio extravergine di oliva del commerciante Giotto e la riserva del presidente 100% italiana del commerciante Giotto. La linea di fondo? L'olio extra vergine di oliva Kalamata 100% greco del semplice commerciante Joe non era solo delizioso, è anche un furto, a soli $ 8, 99 / litro, rendendolo più economico di alcune delle altre bottiglie con le prestazioni peggiori della lista.

La guida offre note di degustazione e pensieri sulle date di "best buy" per ciascuno degli oli al link qui sotto, e sono tutti una buona lettura, dal momento che spiega cosa cercare in un buon olio contro un olio che è già difettoso (come un sapore vinoso-aceto o su sapori "terrosi", entrambi indicano che la bottiglia di extravergine potrebbe non essere extravergine come sostiene di essere), ma ecco la linea di fondo dai suoi test:

La buona notizia : il Kalamata greco 100% Premium era abbastanza buono a un prezzo eccellente, e altri due oli - la California Estate e la Premium Extra Virgin - erano autentiche vergini extra e buoni valori. (Dettagli su ciascun olio di seguito).

Le cattive notizie : mi dispiace vedere che a volte il Trader Joe gioca la stessa esca per il marketing e cambia come molti altri supermercati. Uno degli oli era etichettato "Trader Giotto's" e "confezionato in Italia", ma con una stampa fine sul retro, inciso al laser sul vetro, era il messaggio che si trattava di una miscela di "oli provenienti da Italia, Spagna, Grecia, Tunisia". Nessuna delle bottiglie menzionava il luogo specifico in cui venivano coltivate le olive, il nome del coltivatore o la data di raccolta, che tutti i consumatori dovrebbero conoscere. In 4 su 6 prodotti, la cultivar di olive non è stata identificata, allo stesso modo informazioni importanti. Inoltre, in tutti i casi tranne 1, il Best By Date (BBD) era troppo distante: anche i buoni olii che ho assaggiato andranno male molto prima che raggiungano queste date.

Peggio ancora, 3 dei 6 oli che ho assaggiato erano difettosi, il che significa che non dovrebbero essere etichettati "extra vergine" in primo luogo.

Quindi è davvero buono o piuttosto cattivo. Il lato positivo è che il buono è davvero buono ed è un ottimo acquisto per il dollaro. Premi il link qui sotto per saperne di più.

Extravirgins (e Floozies) del trader Joe | La verità in olio d'oliva via The Kitchn